Vendita on-line e vendita al dettaglio di lampade, lampadari, faretti da incasso, plafoniere, lampade da terra, piantane, lampade da soffitto, appliques, lampade da parete, lampade da giardino, luci e apparecchi di illuminazione.
La AP ILLUMINAZIONE, con un'esperienza acquisita in oltre 50 anni di attività nel settore, offre alla propria clientela, nel vasto show room e con il catalogo di vendita on-line, innumerevoli soluzioni tecnico decorative. Lampade da soffitto, lampade da terra, lampade da parete, lampade da tavolo e da giardino, selezionate accuratamente tra le migliori proposte di aziende leader nel settore come ARTEMIDE, ALBUM BILUMEN, CINI&NILS, FLOS FOSCARINI, LUCE PLAN, LUMEN CENTER ITALIA, MURANO DUE, NEMO, PANZERI, STATUS, TRECI LUCE, TERZANI, VALENTI, LIRIO.

GLOSSARIO ILLUMINAZIONE

A B C D E G I L M P S V

Lampadine

Hanno sostanzialmente tre caratteristiche fondamentali, una di resa cromatica ed efficienza luminosa, una di influenzare l’estetica e la forma del lampadario o lampada, l’altra economica. La prima e la seconda ci permettono di ottenere una luce più o meno calda con differenti effetti sulla visione dei colori, la terza di gestione dell’energia e quindi i suoi costi.
In ogni lampadario o lampada queste tre caratteristiche sono differenti.

Le lampadine si possono classificare in quattro categorie:

- Incandescenza: le lampade tradizionali con attacco a vite E27 o E14. La loro efficienza e vicina a 10 lumen/watt e la loro durata nominale di circa 1000 ore. Sono particolarmente sensibili agli urti, si scaldano rapidamente, da evitare quindi durante il loro funzionamento, il contatto con mani od oggetti facilmente infiammabili. La tonalità di luce bianco calda e di 2700° Kelvin, accentua i colori rossi e sbiadisce quelli blu. Sono indicate per dirigere la luce a distanza (4-5 metri dal punto luce) e quando si vuole delimitare zone più o meno illuminate, creando ombre nette che fanno atmosfera. 

- Incandescenza con alogeni: sono costruite con filamento in grado di resistere alle alte temperature e al loro interno contengono un gas (alogeno), capace di prevenire l’annerimento del filamento. La caratteristica che li distingue, sono la loro ridotta dimensione in rapporto alla loro alta potenza. Tra queste lampade ci sono anche le dicroiche, che grazie ad un riflettore in vetro trattato, disperde circa il 65% del calore verso il retro della lampada, insieme con una piccola percentuale di luce che conferisce alla lampadina una colorazione particolare.   

- Fluorescenti: sono quelle lampadine che contenendo uno speciale gas, necessitano di un apposito circuito d’alimentazione elettronica che annulla l’effetto stroboscopio, aumenta l’efficienza, la durata media della lampadina e ne permette l’accensione istantanea. Da alcuni anni la gamma delle lampade fluorescenti, si è ampliata grazie all’introduzione nel mercato delle lampade compatte ad alimentazione elettronica integrata, di dimensioni molto simili alle normali lampadine ad incandescenza. Questo genere di lampadine, sono molto utili, quando si ha l’esigenza di creare tonalità differenti di luce (rosata e calda, azzurrata e fredda, morbida e diffusa), o per ridurre al massimo i consumi. L’impiego delle lampadine fluorescenti in questi anni si è notevolmente diffusa anche nell’illuminazione domestica.

-Lampadine a ioduri metallici: sono lampadine efficienti e di lunga durata, quasi come le fluorescenti, le loro dimensioni sono però più contenute, in sostanza quanto le alogene. Richiedono, però di un’apparecchiatura complessa per la loro accensione che impiega, per raggiungere il massimo livello d’efficienza, circa 5 minuti. Lo spegnimento volontario o accidentale richiede poi per la riaccensione, un tempo d’attesa relativamente lungo.

Per le loro caratteristiche, tra cui come per la fluoresceti di scegliere la tonalità, sono indicate per illuminazioni dirette e indirette di grandi aree commerciali o pubbliche, perché dotate un alto flusso luminoso in rapporto alla potenza assorbita.

Lampadari

Termine corretto per identificare il tradizionale lampadario a più bracci ma impropriamente usato per definire in modo generico tutti i tipi d’apparecchi d’illuminazione, che in base al loro tipo di montaggio possono essere a sospensione, a parete, da terra, da tavolo, da incasso o montati su sistemi a cavi o a binari.

Murano di Gallery Lampadario tradizionale in vetro di murano.

Murano di Gallery - Lampadario tradizionale in vetro di murano

Lampadario con le pale

Lampada la cui funzione non è solo quella di illuminare, ma anche quella di muovere con grazia l’aria di un ambiente, per avere un senso di freschezza. Negli ultimi anni se ne sono visti d’ogni tipo, solo alcuni hanno in ogni modo quella personalità tale che li ha resi celebri.

Sfera di Italexport Lampadario con pale

Sfera di Italexport - Lampadario con pale

Lampade da terra

Sono la soluzione più semplice per illuminare qualsiasi locale. Si possono porre ovunque ci sia nelle vicinanze una presa di corrente, si possono facilmente spostare da un ambiente all’altro. Richiedono particolare attenzione nel dislocarle al fine di non essere d’ostacolo e d’intralcio.

Cadmo di Artemide Lampada da terra

Cadmo di Artemide - Lampada da terra

Lampade da parete

Sono montabili sulle pareti verticali e hanno la caratteristica di rendere l’emissione di luce diffusa e indiretta o diffusa e diretta secondo le caratteristiche per cui sono state create. La luce che si ottiene ammorbidisce le ombre create da eventuali altre lampade con fissaggio a soffitto quali plafoniere e sospensioni. Ne deriva che parecchio dell’effetto luminoso di un ambiente è dovuto proprio all’utilizzo di questo tipo di apparecchio.Unico inconveniente la loro localizzazione va definita in fase di progetto.

Alkaid di Nemo-Cassina Lampada da parete

Alkaid di Nemo-Cassina - Lampada da parete

Lampade da tavolo

Lampada che trova il suo ideale utilizzo per illuminare aree ristrette di un ambiente, se già adeguatamente rischiarato da una luce generale e diffusa. Questo genere di lampada può essere di due tipi, uno decorativo con luce morbida e soffusa ideale per il relax, l’altro tecnico con luce concentrata e quasi puntiforme per illuminare piani di lavoro o per la lettura.

Tosca di Foscarini Lampada da tavolo decorativa.

Tosca di Foscarini - Lampada da tavolo decorativa.

Tolomeo di Artemide Lampada da tavolo tecnica.

Tolomeo di Artemide - Lampada da tavolo tecnica.

Lampade da soffitto

Lampade il cui fissaggi è effettuato direttamente a soffitto. La distribuzione della luce in questo tipo d’apparecchiatura è a 180° quindi molto redditizia. La giusta collocazione di questi apparecchi richiede che i punti luce siano determinati (come per quelle da parete) in fase di progettazione dell’impianto elettrico.

Flex di Metallux Lampada da soffitto

Flex di Metallux - Lampada da soffitto

Lampade da parete/soffitto

Lampade la cui collocazione può essere fatta sia su parete verticale che orizzontale (soffitto).

Quaris di Lirio- Philips Lampadaada da parete/soffitto

Quaris di Lirio- Philips - Lampadaada da parete/soffitto

Lampade a sospensione

Lampade sospese al soffitto per mezzo di funi d’acciaio sottili e cavo elettrico a vista opportunamente sistemato, o con tubetti rigidi che in questo caso incorporano il cavo d’alimentazione. Essendo lampade sospese nell’aria, garantiscono una distribuzione di luce uniforme. La loro collocazione, come per altri apparecchi d’illuminazione, richiede che il punto sia determinato già in fase di progetto dell’impianto elettrico.

IceGlobe Semi Giant S di Lumen Center Italia Lampada a sospensione

IceGlobe Semi Giant S di Lumen Center Italia - Lampada a sospensione

Lampade su sistemi

Sono la soluzione più flessibile per avere differenti flussi luminosi in svariate zone di un ambiente. Possono essere a luce diffusa o puntiforme, possono essere accese contemporaneamente o separatamente e non richiedono particolari attenzioni in fase di progetto dell’impianto elettrico. Ne esistono di due tipi uno su binario l’altro più recente su cavi tesi.

Omnia Egg di Valenti Lampada per sistema a fili

Omnia Egg di Valenti - Lampada per sistema a fili

Lampade a incasso

Lampade pensate per essere istallate nei controsoffitti e in taluni modelli anche nelle pareti verticali. Sono generalmente lampade con un costo relativamente basso visto la loro semplicità.

Ato di Microluce Lampada da incasso a soffitto.

Ato di Microluce - Lampada da incasso a soffitto.

Orchestra di Luceplan Lampada da incasso a parete.

Orchestra di Luceplan - Lampada da incasso a parete.

Lampade per esterno

Lampade pensate per utilizzo esterno; sono identificate con un grado di protezione alle intemperie ( esempio IP57 ) che ne determina la loro corretta collocazione. Si dividono in differenti tipologie: a palo, a parete, incassi carrabili o calpestabili.

Argo di BoLuce Lampada per esterno a palo

Argo di BoLuce - Lampada per esterno a palo

Brick di Surya Lampada per esterno da parete.

Brick di Surya - Lampada per esterno da parete.

Geo di BoLuce Lampada da esterno incassata.

Geo di BoLuce - Lampada da esterno incassata.

Lampade storiche

Sono così definite tutte quelle lampade e lampadari che per l’originalità e il loro design sono sempre attuali come, per citare qualche esempio, Arco e Toio di Flos, Eclisse e Tizio di Artemide, Daphine di Lumina, Costanza di Luceplan. Generalmente queste lampade, sono icone intramontabili, pezzi apprezzati e desiderati, disegnati e pensati dai più grandi designer quali Gino Sarfatti, Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Tobia Scarpa, Vico Magistretti, Paolo Rizzato, Gio Ponti, Angelo Mangiarotti, Gae Aulenti, Mario Botta, Carlo Forcolini, Tommaso Cimini, Richard Sapper tanto per citarne alcuni.

Toio di Flos del 1962  Designer Achille e Pier Giacomo Castiglioni

Toio di Flos del 1962  Designer Achille e Pier Giacomo Castiglioni

Daphine di Lumina del 1975 Designer Tommaso Cimini

Daphine di Lumina del 1975 Designer Tommaso Cimini

Lumetto

Termine usato per indicare quel genere di lampade da tavolo che per la loro dimensione e tipologia sono particolarmente adatte per l’utilizzo sui comodini della camera da letto, su piccole mensole e console, al fine di avere una luce particolare e soffusa in una zona determinata.

Iota di Nemo-Cassina Lumetto

Iota di Nemo-Cassina - Lumetto

Lux e lumen

Sono due diverse misure del flusso luminoso, ma mentre il lumen è una misura assoluta della “quantità di luce”, il lux è una misura relativa di un’area. Così 1 lumen su un’area di 1 metro quadro corrisponde ad 1 lux, mentre lo stesso lumen concentrato in 1 centimetro quadro corrisponde a 10.000 lux.

AP Illuminazione - via Magenta, 45 - 22078 Turate - tel. 02 9688109 - info@apilluminazione.it - p.iva 01564830139
powered by imaginaria